La Galleria Virtuale di NTT DATA: un’esperienza immersiva | NTT DATA

mar, 15 febbraio 2022

La Galleria Virtuale di NTT DATA: un’esperienza immersiva nell’arte

In occasione della mostra Data Protection & Art, inaugurata il 28 gennaio, abbiamo realizzato una galleria virtuale che ospita alcune opere dedicate alla sicurezza dei dati.

A cura di Marco De Simone, Responsabile XR della Service Line IoT, VR & AI

La realizzazione della mostra Data Protection & Art ci ha dato l'opportunità di esplorare alcuni fenomeni che caratterizzeranno gli scenari più innovativi dei prossimi anni e che si ispirano al concetto di Metaverso: la convergenza tra diverse tecnologie per creare casi d'uso inediti e la volontà di creare esperienze immersive per gli utenti.
Come centro di competenza XR il nostro contributo è consistito nel creare un ambiente virtuale in grado di ospitare le opere digitali dedicate alla Data Protection, opere che esprimono il messaggio sulla sicurezza sia attraverso il loro significato che attraverso la tecnologia NFT che le tutela.
 Volendo attrarre il maggior numero possibile di visitatori, per realizzare la Galleria Virtuale abbiamo scelto una tecnologia che consentisse a chiunque di visitarla utilizzando semplicemente il browser Internet, senza la necessità di prerequisiti in termini di software da installare o di speciali dispositivi. Per questo la scelta è andata verso la tecnologia WebGL, una libreria che consente di programmare grafica 3D in un contesto HTML, assimilabile, quindi, ad un comune sito web. Per il processo di sviluppo, inoltre, la scelta è andata sulla piattaforma Unity, che ci ha consentito di sfruttare al massimo le competenze presenti in azienda in termini di progettazione e sviluppo dell'ambiente virtuale e di composizione dei modelli 3D, ottenendo il miglior risultato possibile nel minor tempo.

una mostra virtuale sulla protezione dei dati personali online

Come creare un’esperienza immersiva per i visitatori?
Oltre ai requisiti tecnologici, era importante soddisfare anche un altro obiettivo: creare una Galleria Virtuale in grado di offrire un’esperienza immersiva, che potesse essere d'ispirazione per il visitatore.
Per far questo, particolare cura è stata posta nella costruzione del modello 3D dello spazio espositivo e nella scelta dei colori dei materiali e delle texture, che dovevano risultare neutri per esaltare le opere esposte, ma allo stesso tempo sufficientemente materici da restituire la sensazione di un ambiente gradevole e curato. Altri dettagli dello spazio virtuale, come elementi architettonici e decorativi, sono stati aggiunti per creare una sensazione di apertura e di organicità della galleria espositiva, evitando però che risultasse dispersivo.
Anche il modello 3D dell'avatar mostra come una scelta tecnica nel contesto dei nuovi mondi virtuali diventa significativa per l'esperienza utente, in questo caso è stato scelto un modello che rappresentasse un’astrazione del visitatore e che, con l'effetto di trasparenza, lasciasse più campo visivo possibile.
Spazi di virtuali basati su queste tecnologie XR immersive saranno nel prossimo futuro sempre più diffusi, diventando un modo comune per vivere esperienze di ogni tipo, dall’entertainment al gaming, dagli eventi culturali e di comunicazione ad ambienti privati da condividere con familiari e amici, fino a veri e propri campus aziendali.


洞察

Related Insights

Vuoi saperne di più?

Scrivici!