Una app mobile nata dal progetto alternanza scuola lavoro | NTT DATA

mar, 10 luglio 2018

Una app mobile nata dal progetto alternanza scuola lavoro

Nella nostra sede di Roma, per studiare il ciclo di vita del software gli studenti realizzano un vero videogioco

Roll a Ball è la app mobile per sistema operativo Android creata nella sede NTT DATA di Roma da Leonardo Partis e Giuseppe Sciarra, del 4° anno dell’Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Fermi di Roma, sotto la guida del collega tutor Mario Buonocore, Consultant della Solution Services Business Process & Services Management  in NTT DATA Italia, per finalizzare ad un risultato concreto lo studio del tema “Il ciclo di vita di un software” all’interno del progetto Alternanza scuola lavoro.

Dopo un po’ di teoria ed esercizi sulla realizzazione di un software, utilizzando anche casi reali, gli studenti hanno iniziato subito a mettere le mani nel codice. 

Leonardo e Giuseppe hanno creato in 72 ore di lavoro il gioco, composto da quattro differenti livelli, scrivendo dieci classi di codice di programmazione in C#, occupandosi sia della parte grafica che delle dinamiche di gioco, ed hanno infine adattato e creato percorsi e modelli grafici 3D.

È nato così “Roll a Ball” utilizzando Unity, un tool per lo sviluppo di videogiochi ed applicativi VR/AR che permette di creare videogame ed esportarli per più piattaforme, per diversi marketplace e device, e Visual Studio 2017,  con il framework .NET ed il linguaggio di programmazione C#.

Grazie a questa esperienza, i due studenti hanno conosciuto da vicino la programmazione di applicazioni utilizzando tool di sviluppo ed hanno approfondito con la pratica quello che stanno studiando a scuola e che, un giorno, potrebbe diventare il loro sbocco lavorativo e professionale.

Il progetto Alternanza Scuola-Lavoro offre ai ragazzi dell’ultimo triennio delle scuole superiori italiane l’opportunità di svolgere uno stage in azienda. Anche NTT DATA apre i suoi uffici agli studenti, con l’intento di sviluppare in loro un’idea del mondo lavorativo più concreta, di accorciare sempre più le distanze tra formazione e professione ed anche di arricchire con una visione giovane e fresca e un punto di vista originale il nostro lavoro quotidiano.


Il progetto prevede la presenza di due tutor aziendali, uno HR e uno tecnico, con ruoli diversi, che guidano i ragazzi durante l’intera esperienza, come in questo caso.

 

 

 

 

 

 

 



 


Vuoi saperne di più?

Scrivici!