NTT DATA porta la realtà immersiva alla Notte dei | NTT DATA

mar, 25 settembre 2018

NTT DATA porta la realtà immersiva alla Notte dei Ricercatori

NTT DATA con UNICAL per il progetto “SuperScienceMe"

Dopo l’enorme successo delle passate edizioni, anche quest’anno l’Università della Calabria di Rende (CS), l’Università Magna Grecia di Catanzaro e l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, con la Regione Calabria e il CNR, partecipano il 28 settembre alla Notte dei Ricercatori con il progetto SuperScienceMe: ResEArCH in your REACH, approvato dalla Commissione Europea: i vari dipartimenti delle 3 sedi universitarie si aprono per ospitare una serie ricchissima di visite, laboratori e conferenze di taglio divulgativo ed esperienziale.

L’Università della Calabria invita NTT DATA a collaborare a questa iniziativa, nell’intento di coinvolgere tutti gli enti, le organizzazioni e le imprese che insieme operano per lo sviluppo del territorio calabrese.

Presso il Campus di Arcavacata di Rende, al Ponte della Ricerca, lo spazio espositivo in cui i dipartimenti e i centri dell’Unical, le imprese e gli attori dello sviluppo del territorio presentano le loro attività nel campo della ricerca e dell’innovazione, il nostro stand resta aperto per l’intera giornata del 28 settembre. Presentiamo, in particolare, le nostre attività di R&D legate alla Leading Edge Technology, come i Microsoft Hololens, Oculus Rift e svariati altri strumenti, che i visitatori possono conoscere, indossare e sperimentare sotto la nostra guida.

La Notte dei Ricercatori
Ogni anno, a partire dal 2005, migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca si incontrano e incontrano i cittadini alla Notte dei Ricercatori, promossa dalla Commissione Europea e dedicata alla diffusione della cultura scientifica, alla sua integrazione con il benessere e lo sviluppo sociale e allo scambio di idee e conoscenze.

In un contesto informale e coinvolgente, l’evento si articola in mostre e visite guidate, conferenze e seminari, concerti, spettacoli, esperimenti e dimostrazioni dal vivo. 
Attraverso un’estrema interazione con il pubblico e puntando sull’apprendimento divertente, i ricercatori fanno comprendere , soprattutto ai giovani, il ruolo positivo della ricerca nella società, mostrando l’impatto che la loro ricerca ha sulla vita quotidiana di ciascuno di noi.

 

 


 

 

 

 



 


Vuoi saperne di più?

Scrivici!