Questo sito utilizza unicamente cookies di terze parti. Utilizzando questo sito si accetta l'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni sui cookies utilizzati e come eliminarli o bloccarli si prega di leggere la pagina cookies.

Prosegue il viaggio di NTT DATA tra le Università italiane per il Business Game. Prossima tappa? Napoli!

Il 17 maggio, gli studenti delle lauree magistrali in Ingegneria delle Università Parthenope e Federico II si sfidano in una nuova appassionante competizione

Si tiene a Napoli il 17 maggio la terza tappa del Business Game NTT DATA nelle Università italiane: gli studenti dei corsi di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, Ingegneria delle Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione e Ingegneria della Sicurezza dei Dati e delle Comunicazioni delle Università Parthenope e Federico II hanno l’occasione di mettere in luce il loro talento in una gara di creatività, capacità organizzative e di teamworking. 

Obiettivo della competizione? Suddivisi in squadre, i 50 ragazzi devono identificare un'idea di business innovativa che utilizzi la rivoluzionaria tecnologia di NTT e Toray Industries hitoe® (tessuto a polimeri elettro-conduttori integrati che raccolgono in real-time parametri fisiologici, utili nei più svariati settori) e presentare il progetto ai giudici di NTT DATA. 

Premio in palio? La possibilità di svolgere uno stage curriculare in NTT DATA.
Il team di professionisti NTT DATA, che costituisce la giuria e presenta la nostra azienda, le interessanti opportunità di formazione e lavorative che può offrire, le regole del gioco e il premio in palio, è composto da Francesco Miano, Antonio Ferullo, Simona Civita, Francesca Montefusco, Sergio Pavoloni della Consulting e da  Simona Labianca di HR.

17 maggio 2018, dalle 10.30 alle 17.30

Aula Magna dell'Università degli Studi di Napoli Parthenope

Centro Direzionale di Napoli Isola C4, Napoli

Università degli Studi di Napoli Parthenope


Università degli Studi di Napoli Federico II

Archivio

Innovazione è una parola che si usa sempre più spesso, ma cosa vuol dire davvero?Walter Ruffinoni ci spiega il suo punto di vista. Guarda il video